“Memorie Celate”, 2012

180h x 60 x 60 cm

Cera, paraffina


L’opera è una riflessione sulla memoria dell’artista. È una rappresentazione di un tronco in cera che contiene al suo interno documenti, fotografie e libri della famiglia dell’artista. Questi oggetti sono celati, nascosti dalla cera, perché sono memorie conosciute ma allo stesso tempo sconosciute poiché sono di un periodo precedente alla sua nascita. È un voler mostrare ciò che neanche egli conosce veramente, per quanto siano ricordi della sua famiglia, lui non li ha veramente vissuti, ma li sente suoi poiché li ha vissuti con i racconti dei suoi familiari. Il tronco riprende l’idea di “albero genealogico”, ovvero un albero pieno di ricordi della sua famiglia, come se fosse una memoria congelata, che non ha ne tempo ne spazio, una memoria piena di ricordi del passato nascosti nel profondo.

Dispositivo per ferite, 2012

dimensioni variabili

Bambù e spago


Le ferite ci circondano, siamo pieni di ferite attorno a noi, interiori ed esteriori. Esse lasciano il segno, ci modificano e non possiamo farci niente, le curiamo, ma loro non se ne vanno e anche quando sono rimarginate si vedono, hanno cambiato tutto, lasciano sempre il segno. Possiamo chiuderle ma per farlo creiamo altri segni indelebili, che si aggiungono ai precedenti, servirebbe un qualcosa per riuscire a fermare queste ferite, un qualcosa che non danneggi.

Il dispositivo che ho creato voleva essere un qualcosa che controllasse la deformazione delle ferite, che fosse dinamico, ma mi accorgo che ha una sua staticità è quasi immobile, rigido, di fronte alle spaccature, sembra quasi impassibile di fronte a questo flusso che fuoriesce dalle crepe; come se fosse appoggiato sulla ferita, in attesa che essa si rimargini, contenendo con forza ma non mostrandola come un uomo che non vuol mostrare il dolore di fronte a qualcun altro.

Giuliano Cataldo Giancotti
Giuliano Cataldo Giancotti

Enneagramma Sensoriale, 2012

140 x 140 x 140 cm

Ottone e filo di ottone


Questo lavoro è il risultato dell’atto performativo attraverso il quale l’artista crea l’opera, montandola dall’interno. Così facendo egli delimita uno spazio dal quale è possibile sentire, percepire e vedere il mondo circostante da un punto di vista diverso. Ci si sente protetti e allo stesso tempo indifesi, è uno spazio ideale dove poter attuare un processo meditativo attraverso le sensazioni. L’intento è, inoltre, di coinvolgere lo spettatore, invitandolo ad entrare nella struttura per dargli la possibilità di provare questo tipo di sensazione. la forma scelta riprende il simbolo esoterico, denominato enneagramma, che rappresenta il cosmo.